Agricoltura del futuro: progetto inter-rete per il rilancio del sistema veneto

Agricoltura del futuro: progetto inter-rete per il rilancio del sistema veneto

Sfruttare le innovazioni e le nuove soluzioni rese disponibili da biotecnologie e agricoltura di precisione per migliorare la produttività delle colture, sviluppare le proprietà funzionali degli alimenti, sostenere il reddito d’impresa e la competitività del sistema produttivo alla luce dell’attuale emergenza sanitaria ed economica legata alla pandemia.

 

 

È questa la strategia proposta dal progetto “L’agricoltura del futuro e gli alimenti funzionali: una sfida per la ricerca e il rilancio del territorio veneto”, parte del bando “Sostegno a progetti di ricerca e sviluppo realizzati dalle Reti innovative regionali e dai distretti industriali”, promosso dalla Regione Veneto tramite il POR FESR 2014-2020, nell’ambito delle iniziative messe in atto per contrastare gli effetti della crisi causata dalla pandemia.

 

 

Il progetto è stato lanciato dalla Rete regionale innovativa Innosap, capofila del progetto insieme a Ribes-Nest e al Distretto Ittico di Chioggia e avrà una durata di 27 mesi, nel corso dei quali saranno approfondite tre linee di ricerca principali che riguardano specificamente la produzione primaria: il miglioramento della produzione olivicola, l’innovazione di prodotto e processo nell’ambito della filiera ortoflorovivaistica e l’introduzione della “serra veneta 4.0”, che grazie a digitalizzazione e a sensori di nuova generazione è in grado di raccogliere dati e informazioni utili all’agricoltore.

 

 

Un altro fronte della ricerca, sviluppato in particolare dalle aziende socie di Ribes-Nest, è dedicato invece agli alimenti funzionali, sostanze nutritive in grado di rinforzare la risposta immunitaria e migliorare la salute e il benessere dell’organismo. Punto di partenza dallo studio è l’analisi del microbiota intestinale di alcuni animali, studiando i processi di assorbimento e digestione del cibo. Il risultato della ricerca porterà ad individuare cibi funzionali, ricchi di proteine e fibre, che affiancheranno, integrandola, la normale dieta animale.

 

 

Lo studio e lo sviluppo di soluzioni innovative per un aumento della sostenibilità e competitività, e delle proprietà nutraceutiche delle produzioni vegetali venete porterà a rafforzare il comparto agrifood, una risorsa strategica per il Paese e per la nostra Regione. Una ricerca che porterà ad individuare nuove materie prime per la realizzazione di prodotti finiti mirati a garantire maggiore salute e al benessere, nel segno della sostenibilità ambientale e delle moderne biotecnologie.